Nasce agli inizi del 1900 con il dott. W. Fitzgerald che unisce le prime corrispondenze anatomiche che poi si evolverà in mappa delle zone riflesse. Il sistema nervoso è il centro di comando delle attività corporee: fisiche e psichiche. Il piede è munito di terminazioni nervose. Dunque la pressione sulle aree riflesse è direttamente collegata con l’organo corrispondente, è anche il punto focale del sistema circolatorio e vascolare. L’effetto del massaggio non deriva dalla pesantezza della pressione, ma dal fatto che venga stimolata l’area riflessa. Il trattamento riflessologo è adatto per tutte le età, ma va adeguato sui bambini: leggero, sfioramenti, tempo ridotto; nei ragazzi dagli 8 ai 10 anni: non superare i 20 minuti di lavoro. Nelle donne: evitare di lavorare le zone genitali in presenza del ciclo. Negli anziani si può trovare pudore vs i propri piedi, si può utilizzare la mano. Nei portatori di handicap: supporto per le altre terapie REGOLE DI BASE evitare il massaggio dopo i pasti pesanti evitare il massaggio in donne nei primi giorni del ciclo abbondante fare attenzione durante il massaggio in presenza di gonfiore piedi / caviglie / distorsioni evitare il massaggio se la persona è molto agitata / preoccupata / impaurita MANOVRE RILASSARE / OSSIGENARE SFIORAMENTI GAMBA LATERALE POMPAGGIO

RIFLESSOLOGIA CINESE

La Riflessologia plantare è stata riscoperta e sperimentata nel nostro secolo da numerosi medici e fisioterapisti che attraverso la pratica ne hanno comprovato la validità ed efficacia permettendole di divulgarsi in Occidente. Come in uno specchio, i nostri piedi riflettono tutte le zone del corpo, secondo corrispondenze specifiche che permettono di intervenire per azione riflessa. Dall’osservazione dei nostri piedi, possiamo dunque risalire allo stato di salute della persona, nonché riequilibrare l’organismo, solo attraverso il loro trattamento manuale.

La Riflessologia plantare è efficace perché considera il corpo umano come un organismo sensibile che per mantenere la vitalità ed il suo perfetto stato di salute deve essere mantenuto in equilibrio tra tutte le sue parti. Riequilibrare l’insieme della persona anziché il sintomo o la malattia è il principio su cui si fonda questo metodo. Quale metodo migliore si può usare per rassicurare, rilassare, far sentire meglio chiunque se non coccolando, massaggiando e prendendosi cura dei suoi piedi ? Tutto questo ha in ogni modo delle basi scientifiche, anatomiche e fisiologiche, essendo i piedi il punto d’arrivo di numerose terminazioni nervose che dal rachide e quindi dal midollo spinale sono in collegamento diretto con tutti gli organi del corpo umano.

A cosa è utile Attraverso la Riflessologia plantare si può dunque intervenire sui principali squilibri energetici dovuti allo stress o tensioni di vario tipo, rilassando e/o tonificando tutto il corpo attraverso i piedi. Si interviene con estrema efficacia sul riequilibrio energetico dei vari sistemi funzionali e organici, stimolando i naturali processi omeostatici fisiologici di autoregolazione riportando risultati sorprendenti.

La scuola cinese La scuola cinese di massaggio del piede è all’origine della Riflessologia moderna. Ha sviluppato tutta una serie di tecniche e trattamenti specifici, quali l’uso di molte mappe, che la rendono ricca di potenzialità funzionali diverse dalle scuole occidentali. Il massaggio tradizionale cinese del piede si può inserire nel filone delle tecniche asiatiche per la prevenzione ed il benessere, divenendone uno dei più potenti trattamenti esterni. Il massaggio zonale tradizionale cinese del piede per la salute affronta il riequilibrio della persona non solo dal punto di vista del benessere, ma anche e soprattutto da quello energetico e spirituale. Partendo dalla constatazione che ogni disturbo fisico ha origine da una sofferenza o da un trauma interni, gli antichi saggi cinesi hanno realizzato una metodica pratica.